La Natura e il valore del Tempo

La Natura ci insegna il giusto valore del Tempo

Il tempo è forse il bene più prezioso che abbiamo a disposizione, eppure passiamo la maggior parte della vita senza rendercene conto e senza apprezzarlo pienamente.

Quando si è giovani si pensa di avere un tempo illimitato a disposizione e pertanto si tende a rimandare molte attività, come il prendersi cura di sé e degli altri, amare, crescere e scoprire tutto ciò che di bello la Vita ha da offrirci, oltre la solita routine.

Ogni istante è unico e irripetibile e, proprio per questo, andrebbe vissuto con la massima presenza di mente, spirito e corpo. I mille impegni quotidiani, invece, ci portano spesso a vivere sconnessi dal presente, proiettando sogni, speranze e desideri verso il futuro oppure rimpiangendo il passato.

Il <<Qui e Ora>> è il principio base da seguire per poter godere appieno del tempo che abbiamo a disposizione, anche mentre si lavora o si svolgono le normali attività quotidiane: è un allenamento alla consapevolezza e al rispetto della Vita.

Quando l’età avanza, le ore libere a disposizione aumentano ed arriva il momento di riflettere sulle esperienze passate, sugli insegnamenti ricevuti, centrarsi nel nuovo equilibrio per re-inventarsi a livello profondo. In questo nuovo percorso di crescita la Natura fornisce un importante aiuto, perché permette di istaurare una relazione uomo-pianta, dalla quale l’anziano può trarre numerose analogie con la sua vita passata e presente.

 

I benefici dell’orticoltura per l’anziano

Prendersi cura delle piante e vederle crescere a partire da un piccolo seme piantato nel terreno, apporta moltissimi benefici alla persona e soprattutto all’anziano.

L’orto e il giardino, infatti, sono carichi di significati simbolici: la semina, la germinazione e la crescita di una pianta ricalcano metaforicamente la vita dell’uomo. Inoltre, il giardinaggio insegna l’importanza di tagliare i rami secchi e tutto ciò che è potenzialmente dannoso per l’intera pianta, in modo da favorire la crescita di nuove foglie, frutti e fiori sani e rigogliosi.

Si apprende, ulteriormente, che non tutti i semi germinano nello stesso momento e che, molto spesso, gli scarti possono fungere da concime per altri organismi vegetali.

Dal punto di vista mentale e fisico, prendersi cura di un essere vivente apporta i seguenti benefici all’anziano:

  • Richiede un impegno costante, che stimola e rafforza la memoria
  • Attiva tutti i sensi e aumenta l’autostima, facendolo sentire ancora utile e d’aiuto per la Vita
  • Previene malattie, soprattutto demenza e patologie neurodegenerative perché la mente viene stimolata dall’impegno costante. Inoltre, l’attività fisica legata alla gestione di un orto o un giardino migliora l’equilibrio, la forza fisica e la coordinazione.
  • Crea relazioni sociali gratificanti, soprattutto quando l’attività si svolge in strutture per anziani. Si sviluppa un senso di aiuto reciproco, comunità e collaborazione.

 

La ciclicità della Natura, legata al susseguirsi delle stagioni, insegna che è possibile rimettersi in gioco continuamente a qualsiasi età e che ogni periodo della vita va coltivato con amore e passione, per poter godere dei frutti maturi di ogni singola stagione.